l'attesa del verdetto

Si è conclusa la IV edizione del Premio Tonino Accolla

la proclamazioneE’ il catanese Daniele Sapio della Voice Art Dubbing di Roma che si aggiudica la IV edizione del Premio Tonino Accolla, avrà quindi l’opportunità di partecipare al doppiaggio di un film della Ambi Media Italia, nuova società di distribuzione cinematografica italiana dell’Ambi Group di Andrea Iervolino ed Monika Bacardi.  Seconda classificata e miglior voce femminile, la barese Chiara Sansone della Lord Byron Institute di Bari.
Il format del Contest Live continua a riscuotere un grande successo di pubblico ma soprattutto importanti apprezzamenti dagli addetti ai lavori e dalla critica. Importanti restituzioni dai componenti della giuria, soprattutto dal presidente Claudio Sorrentino, che per l’occasione ha promesso il coinvolgimento degli allievi nei prossimi turni di doppiaggio presso la CIS (società di doppiaggio a lui riconducibile), ma anche da Marco Eugenio Di Giandomenico, scrittore, critico e accademico della sostenibilità dell’arte e codirettore del master Videoart & Filmmaking dell’Ard&Nt Institute (Accademia di Belle Arti e Politecnico di Milano) che ha dichiarato: «Il Premio Tonino Accolla, alla sua quarta edizione nel 2017, è senza dubbio tra le più pregnanti manifestazioni internazionali in tema di cinema “sostenibile”: un “bravo” al direttore del premio Giuseppe Mandalari e alla sua ideatrice Stefania Altavilla! Nel mondo si organizzano ogni anno centinaia di premi cinematografici, più o meno famosi, ma pochi riescono a trasmettere un messaggio valoriale vero. Tra questi c’è senz’altro il Premio Tonino Accolla che promuove la figura e l’operato artistico del grande doppiatore siracusano Tonino Accolla scomparso prematuramente nel 2013, valorizzando così l’arte del doppiaggio soprattutto tra le nuove generazioni, il cinema italiano e internazionale e gli stessi territori del siracusano, densi di storia e cultura millenari. Tra l’altro quest’anno, grazie anche all’apporto di Adriano Pintaldi, c’è l’interessante retrospettiva su Alberto Sordi come doppiatore, un aspetto della sua attività cinematografica poco conosciuto dai non addetti ai lavori».
19575239_10208609911516706_9164250750829606764_oLa scelta di avviare la collaborazione con il Roma Film Festival ed il diretto coinvolgimento del suo presidente Adriano Pintaldi, ha attribuito alla manifestazione il meritato valore culturale riconosciuto dallo stesso Mibact, con il conferimento del suo patrocinio.
La serata omaggio ad Alberto Sordi doppiatore, curata dallo stesso Pintaldi, è stata l’occasione per ripercorrere le origini della vita cinematografica del grande attore, esordiente nel doppiaggio di Oliver Hardy e di altri attori americani quali Robert Mitchum, Cary Grant o Anthony Quinn. Il confronto con il decano del doppiaggio Carlo Sorrentino, nella serata iniziale, al quale è stato riconosciuto un premio Speciale alla Carriera, ha entusiasmato il pubblico che ha potuto attribuire un volto ad una voce che ha accompagnato con i suoi personaggi diverse generazioni. Al regista Roberto Andò, il riconoscimento di un Premio all’Eccellenza, preceduto da un docufilm realizzato da Adriano Pintaldi, in cui è stata ripercorsa la sua filmografia, con un omaggio alla Sicilia. A fare da ai momenti di cinema, non potevano mancare le colonne sonore, con le esecuzioni dal vivo dei brani composti da Alessandro Faro per i film del regista Max Croci: “Poli Opposti” e “La verità vi spiego sull’amore”, cui si è aggiunta l’esecuzione del M° Francesco Drago della colonna sonora del film “La leggenda del pianista sull’oceano”, che ha preceduto l’incontro con il regista Roberto Andò; i musicisti che hanno accompagnato le esecuzioni: Alessandro Faro, Marco Genovese, Francesco Drago, Stefania Cannata, Matteo Blundo, Christian Bianca, Danilo Pistone.
La piazza gremita all’inverosimile ed il pubblico attento per cinque ore di spettacolo in due sere, confermano il conseguimento delle finalità del progetto, ovvero valorizzare la figura del doppiatore e di una arte in cui il nostro paese eccelle, promuovendo al contempo il territorio e la città di Siracusa, trasformata in una sala di doppiaggio a cielo aperto.
Nella seconda serata, l’attenzione del pubblico è stata catalizzata dal contest live di doppiaggio, con i sei allievi che si sono susseguiti su palco in quattro prove di coppia ed una individuale, doppiando scene tratte da film quali “The Avangers”, “300”, “Adorabile nemica”, Mio cugino Vincenzo”, ma soprattutto l’anello tratto dal film inedito della Ambi Media Italia “In Dubious Battle” in uscita nella sale cinematografiche il prossimo agosto. La competizione è stata intervallata dagli interventi di Massimo Corvo, Christian Iansante, premi alla carriera di questa edizione, grandi amici di Tonino Accolla, che hanno contribuito con i loro ricordi ad impreziosire la serata di forti emozioni. I contributi video di Lorenzo Accolla, figlio di Tonino, sulla vita e le poesie del padre, hanno rappresentato il momento più commovente della serata, permettendo al pubblico di conoscere il doppiatore non solo per la sua arte nel doppiaggio, ma anche per la sua parte più intima. Il verdetto della giuria tecnica a fine serata, confermato anche dalla giuria dei giornalisti ed avvalorato dal pubblico, aprirà le porte del doppiaggio per i due giovani Daniele Sapio e Chiara Sansone, che da subito avranno la possibilità di confrontarsi con Claudio Sorrentino, che ha promesso anche agli altri allievi un’opportunità. Il Premio Tonino Accolla, pertanto, al di là del vincitore designato, costituisce un’importante occasione di visibilità per gli allievi partecipanti, un’occasione per acquisire contatti, presentandosi al cospetto di direttori di doppiaggio e doppiatori che rendono grande il cinema italiano.
Stefania Altavilla, project manager del Premio, dichiara “sono soddisfatta, un anno di lavoro, in cui abbiamo conseguito importanti riscontri, sinergie e collaborazioni che hanno visto in questa edizione la presentazione del nuovo progetto “Tra Cinema e Doppiaggio”, curato da Adriano Pintaldi, che affiancherà il Premio anche in futuro. Onorata degli importanti riconoscimenti da parte dell’Accademia di Brera, nella persona di Marco Eugenio Di Giandomenico, ma anche per il valore al progetto riconosciuto da Claudio Sorrentino. Da ottobre saremo a Roma per la presentazione della prossima edizione.”


Evershow è un prodotto editoriale di Everland sas - Piazza dei Martiri di Belfiore 4, Roma | info@evershow.it | www.everlandcomunicazione.it