image

Body worlds, l’imperdibile mostra prorogata fino al 12 aprile

Avrebbe dovuto chiudere i battenti il 15 febbraio, ma data la considerevole affluenza quotidiana nelle sale del SET di Via Tirso 14 a Roma, BODY WORLDS, la mostra originale sul corpo umano, è stata prorogata fino al 12 aprile. Il numero di visitatori non mente: sono 100.000 le persone che da ottobre ad oggi hanno scelto di lasciarsi trasportare nel viaggio attraverso il fantastico mondo del corpo umano e gli organizzatori non hanno potuto far altro che ringraziare il proprio pubblico, fatto anche di personaggi noti dello spettacolo (Carlo Conti, Max Giusti, Anna Falchi, Albano, Pino Insegno, Alessandro Greco, Riccardo Rossi, Roberto Farnesi, Gianni Togni, Stefania Orlando, Emanuela Aureli, l’allenatore della Lazio Stefano Pioli, Michele Cucuzza, Paolo Conticini, Amadeus, Simona Izzo, Rossella Brescia, Ela Weber, Valeria Ciardiello), concedendo a tutti la possibilità di visitare il nuovo allestimento IL CICLO DELLA VITA per un periodo prolungato. Il curatore italiano della mostra, Fabio Di Gioia, con grande soddisfazione ne spiega il trionfo: “La seconda esperienza a Roma di BODY WORLDS, nella versione IL CICLO DELLA VITA, è stata un vero successo grazie alle informazioni che fornisce sui continui cambiamenti che, dalla nascita e per tutta la vita, intervengono nel nostro corpo. Oggi c’è più informazione e maggiore attenzione a come vivere meglio oltre che a lungo. Le tante scuole elementari e medie e le moltissime famiglie con figli piccoli che sono venute a trovarci sono un segnale chiaro di quanto il comprendere il proprio corpo e le regole biologiche che presiedono alla vita, sia importante fin da giovani. L’esperienza di poter vedere il nostro corpo dal vero, grazie alla plastinazione, è un’emozione che non si può raggiungere facilmente con altri mezzi e che ci aiuta a fissare facilmente informazioni molto importanti. Per questo è un’esperienza irripetibile e il pubblico lo testimonia. Abbiamo chiesto e ottenuto di poter prorogare la mostra a Roma per andare anche incontro a una richiesta che interessa molte zone del centro Italia e del mezzogiorno. Scuole, Università e visitatori indipendenti avranno così la possibilità di organizzarsi per non perdere BODY WORLDS che poi lascerà il nostro Paese. Per i viaggiatori che arrivano a Roma alla stazione Termini e per le scuole abbiamo pensato a mantenere anche il servizio shuttle per facilitare l’arrivo alla mostra”. La mostra BODY WORLDS – IL CICLO DELLA VITA offre, soprattutto ai bambini e agli adolescenti, un’occasione unica per prendere coscienza e comprendere al meglio le ripercussioni che, a lungo andare, potrebbero avere degli atteggiamenti negativi sul nostro corpo. Gli esempi eclatanti visibili in mostra sono infatti: l’obesità e l’effetto del consumo di tabacco sui polmoni. Grazie al progetto TRANSCORPUS a cura di Olga Bachschmidt, il calendario degli eventi a latere previsti è altamente variegato per tutti i gusti del pubblico vasto ed eterogeneo che è solito visitare la mostra. In un interessante connubio di arte e scienza si fondono differenti iniziative multidisciplinari che mostrano tutte le possibili declinazioni del corpo umano in differenti linguaggi che abbracciano l’arte in tutte le sue sfaccettature dalla moda alla fotografia, passando per le performance interattive, la scultura e il design. Nella hall del SET è possibile ammirare l’opera collettiva CHROME ANATOMY, realizzata grazie alla call for entries lanciata on line da WINSOR& NEWTON, brand leader nella produzione di materiali per belle arti con cui gli studenti di RUFA (Rome University Fine Arts), coordinati dai docenti Fabrizio Dell’Arno ed Emiliano Coletta, hanno avuto modo di creare un’evocativa installazione: un mosaico di dimensioni ambientali che combina 75 casse usate con la funzione di supportare o contenere dipinti e sculture, incentrati sulla valenza del corpo umano. Fino a domenica 8 marzo è inoltre possibile prendere visione della mostra di scultura ANTI-CORPI realizzata dagli allievi RUFA di Davide Dormino. Le opere in mostra, firmate da Marianna Felicetti, Stefania Manzata, Amanda Botero, Sacha Turchi, Christophe Constantin e Lucrezia De Fazio, interpretano in modo soggettivo un aspetto a piacere dell’anatomia umana, dando origine a forme variegate e significati simbolici. Per i dettagli è possibile consultare il sito www.bodyworlds.it



Evershow è un prodotto editoriale di Everland sas - Piazza dei Martiri di Belfiore 4, Roma | info@evershow.it | www.everlandcomunicazione.it