ciao

9 – 12 settembre 2015 Roma s’illumina con il festival RO_map

 

mapping e istallazioni multisensoriali tra Circo Massimo e Piazza Navona

LOGO-ROMAP-DEFRO_map trasforma il cuore di Roma in un museo a cielo aperto, esplorando le più innovative frontiere dell’arte digitale applicata alle architetture e agli spazi urbani. Dal 9 al 12 settembre il Circo Massimo e Piazza Navona diventano protagonisti di una straordinaria magia.

In prima nazionale il collettivo francese Coin reinterpreta la suggestiva cornice del Circo Massimo con l’installazione monumentale Globoscope: 256 sfere luminose che, disposte su più di 2000 metri quadrati e controllate da un sistema wireless, trasformeranno l’arena in un paesaggio digitale. Matematica, suono e luce sono utilizzate dall’artista digitale Maxime Houot, del collettivo Coin, per riprodurre, trasformare e incrementare lo spazio urbano e per offrire agli spettatori una passeggiata surreale nelle serate del 9 e 10 settembre.

2406Il festival continuerà nelle serate dell’11 e 12 settembre a Piazza Navona. La facciata rinascimentale della Chiesa di Nostra Signora del Sacro Cuore verrà trasformata dalle proiezioni in 3d degli artisti bolognesi Apparati Effimeri, che giocheranno con l’estetica delle architetture creando una sinergia di colori, suoni, luci e immagini dall’alta spettacolarità. Saranno distribuiti gli occhialini 3d nella piazza e romani e turisti potranno immergersi nel primo mapping in 3d mai presentato nella capitale. Il mapping architettonico è un’arte digitale che attraverso proiezioni in 2d e 3d trasforma le architetture che ospitano la performance in veri e propri stage o schermi di proiezione. La musica si coniuga con gli straordinari, giganteschi effetti visivi del mapping, contribuendo a creare una piattaforma pluri-sensoriale di grande suggestione.

Così a Circo Massimo e a Piazza Navona dialogheranno per la prima volta alcuni tra i più innovativi linguaggi artistici contemporanei, promuovendo un’immagine inedita di Roma e collocando la città in un circolo virtuoso di festival internazionali di arte applicata alle architetture e agli spazi urbani.

Il festival RO_map fa parte dell’estate romana 2015. Ideato da Michele Cinque, è prodotto da Lazy Film con il sostegno di Roma Capitale. Tra i partner, Paula design nella comunicazione e Live Performance Meeting nell’allestimento.

 

DSC_0001PROGRAMMA

MERCOLEDI’ 9 E GIOVEDI’ 10 SETTEMBRE 2015

Circo Massimo (Via dei Cerchi – Roma)
Mostra installazione GLOBOSCOPE – Collettivo Coin dalle ore 20.30 alle ore 24.00

VENERDI’ 11 E SABATO 12 SETTEMBRE 2015

Chiesa di Nostra Signora del Sacro Cuore (Piazza Navona – Roma)

Mapping stereoscopico (3D) – Apparati effimeri dalle ore 21.00 alle ore 24.00

 

ARTISTI

Collectif Coin www.collectif-coin.com

Il Collettivo Coin laboratorio artistico con sede a Grenoble in Francia, si occupa della produzione d’installazioni e spettacoli monumentali. Per ogni nuovo progetto, si forma un nuovo collettivo secondo i bisogni, le competenze ricercate e le scelte di collaborazione. Collettivo Coin non è dunque, per definizione, un collettivo di artisti permanenti. Assolutamente transdisciplinare e legato alle Arti Numeriche, il Collettivo Coin manipola principalmente la luce, il suono e i corpi. Ama lavorare soprattutto in loco, immaginare un’installazione o uno spettacolo per un luogo, o adattare le proprie creazioni allo spazio prescelto.

Globoscope2 HDGLOBOSCOPE
by Maxime Houot
director, set design, concept Maxime Houot
producer Collectif Coin
coproducer CCSTI Grenoble-La Casemate

Apparati effimeri www.apparatieffimeri.com/

Apparati Effimeri (Federico Bigi e Marco Grassivaro) è uno studio di visual design che realizza contenuti visivi tridimensionali altamente persuasivi, adatti a ogni tipo di comunicazione non convenzionale. Con la continua sperimentazione dei nuovi linguaggi digitali risponde alla crescente richiesta di creatività avanzata dal mercato e soddisfa le esigenze di visibilità e promozione del cliente attraverso la sperimentazione artistica e l’innovazione tecnologica. Al mapping 3d – l’elaborazione in tre dimensioni applicata all’architettura – aggiunge l’interaction design, l’object projection e la stereoscopia. L’uso sapiente delle nuove tecnologie crea ambienti immersivi di forte impatto emozionale, adatti per i grandi eventi ma anche per party esclusivi.



Evershow è un prodotto editoriale di Everland sas - Piazza dei Martiri di Belfiore 4, Roma | info@evershow.it | www.everlandcomunicazione.it