image

Forte Forte Forte: intervista a Pasquale di Nuzzo

 

Pasquale di Nuzzo è un concentrato di talento, energia, professionalità e grande grinta. Ventidue anni, ballerino di lunga formazione che oggi si sta impegnando tanto per diventare uno showman completo grazie alla sua apprezzata partecipazione a Forte Forte Forte, talent-show in onda ogni venerdì sera su Raiuno, il cui vincitore firmerà un contratto lavorativo con la Tv di Stato della durata di un anno. Abbiamo incontrato Pasquale che può già vantare un primato: tra tutti i partecipanti al programma è quello più seguito in rete e tutti i videoclip delle sue esibizioni sono puntualmente i più cliccati.

Nonostante la tua giovane età sei già alle prese con due importanti esperienze TV. Chi è Pasquale di Nuzzo?
Sono un ragazzo molto fortunato che ogni giorno ringrazia Dio per il percorso meraviglioso che gli sta riservando. Ballo da quando ero piccolino ed ho avuto, da sempre, la mia “unica” famiglia al mio fianco come prima sostenitrice. Nel 2013 dopo tante esperienze di successo, e’ arrivato il momento della popolarità con il talent Amici, dove sono arrivato in semifinale e che mi ha fatto conoscere al grande pubblico. Ho imparato tanto ad Amici, dove ho consolidato la parola “sacrificio” come prima componente fondamentale della mia vita

La prima donna bionda a credere in te è stata Maria de Filippi: di lei quale ricordo conservi?
Lei è una grande talent scout, ma anche un’attenta osservatrice. Ho un ricordo affettuoso e mi commuovo pensando alle parole che pronunciò a margine della sfida che mi vide uscire alla semifinale del programma. La prima donna bionda che mi portò nel cuore e dalla quale ho cercato di prendere tutto perché con lei c’era tanto da imparare, una fortuna per chi ama questo mestiere come me. Una mamma, infine, per noi giovani ragazzi alle prese con la prima vera esperienza televisiva importante

Dopo Amici è arrivato il successo, che però non ti ha distratto dai tuoi numerosi obiettivi…
Dopo Amici, tante serate in giro per l’Italia e aumentava in me la consapevolezza che potevo e dovevo dare di più. Ho iniziato a studiare recitazione e le soddisfazioni non si son fatte attendere. La mattina la trascorrevo tra corsi di recitazione e dizione mentre la sera ero in sala a montare coreografie per farmi trovare pronto per ogni occasione. E’ arrivata anche la fiction con Che Dio ci aiuti, il mio primo banco di prova da attore che mi ha dato piena consapevolezza che quello per cui sto sudando è davvero la mia strada.

E poi arrivata la seconda donna bionda ti ha portato direttamente in America?
E che donna, aggiungerei(sorride,n.d.r.). Madonna ,son stato davvero molto felice di aver potuto avvicinarla e di costruire con lei una coreografia a Toronto, rappresentando l’Italia in un contest che mi ha visto trionfare e volare direttamente in America. Un altro traguardo raggiunto e la felicità più grande la leggevo negli occhi dei miei cari e dei miei sostenitori.

Dopo l’esperiena accanto a Madonna sei ritornato in Italia e sono arrivati nuovi progetti per il piccolo schermo…
Sì, continuo ancora oggi ad avere ritmi frenetici perché la formazione è la mia prerogativa assoluta. Studio recitazione, dizione e la danza rimane la mia prima passione, a cui da poco ho aggiunto il canto.

Arriva il caschetto biondo più famoso al mondo e si accorge di te. Come e’ nata quest’ultima esperienza?
Sì, ho fatto il tris di bionde in 2 anni, avendo la fortuna di avere tre pigmaglione con una storia infinita alle spalle. Con Raffaella Carrà a Forte Forte Forte sto vivendo da due mesi una palestra delle arti completa al massimo. Abbiamo ogni giorno coach di grandissimo livello da Chiara Noschese per la recitazione a Stefano Magnanensi per il canto fino al maestro Tiziano Vasselli per il ballo. Il concetto è quello di portare il talento a 360gradi in scena e loro ce la mettono tutta a tirar fuori da noi tutto il nostro talento.

E con la giuria che rapporto hai?
Devo dire che sono ad oggi, 7 puntate già in onda, non ho mai trovato resistenze da parte degli altri 3 giurati d’eccezione del programma. Asia Argento con i suoi Forte Forte Forte mi ha sempre gasato premiando il grande impatto che ho sul pubblico. Joaquin Cortes ha da sempre notato e apprezzato le mie qualità di ballerino e questo mi rende pieno di orgoglio perché l’ho sempre apprezzato tantissimo come coreografo e ballerino a livello mondiale Anche Philippe Plein ha da subito creduto in me, insieme con la mitica Raffaella Carrà, che ha una parola attenta per ognuno di noi e un consiglio pronto da suggerirci per migliorarci.

Cosa pensi del mancato riscontro sul pubblico del programma in dati di ascolto?
Il format è fatto davvero molto bene, punta sui giovani ed è davvero curato in ogni dettaglio. Forse a casa non arriva tutto il grande amore e la passione che ci mettono tutti coloro che lavorano alla messa in scena del programma. Io mi sento un privilegiato e son sicuro che sarà solo la prima edizione ad avere questa fatica a decollare in dati di ascolto e che ne seguiranno altre piene di successo. Son pronto a scommettere.

A proposito di scommesse, come la stai vivendo quest’ultima fase del programma?
Restano due puntate, stiamo lavorando alacremente per portare due grandi serate su Raiuno, non penso alla vittoria ma non vi nascondo che sarebbe una bella emozione coronare questa esperienza piena di grande formazione, talenti, coach e giudici che insieme mi hanno reso Forte Forte Forte.

 

 



Evershow è un prodotto editoriale di Everland sas - Piazza dei Martiri di Belfiore 4, Roma | info@evershow.it | www.everlandcomunicazione.it